Arredamento e oggettistica prendono il largo e viaggiano a vele spiegate
In evidenza

Arredamento e oggettistica prendono il largo e viaggiano a vele spiegate

Dalle house boat agli yacht le proposte made in Italy sono le più richieste dagli amanti dell’eleganza e del lusso. E tra i negozi c’è chi sta cavalcando al meglio questa opportunità

Se l’arredo rende la casa l’ambiente confortevole per eccellenza tale prerogativa si estende oltre le mura domestiche, arrivando ad abbracciare luoghi e spazi di relax che vanno al di là della dimora tradizionale. Dalle house boat fino agli yacht l’oggettistica e l’arredamento rappresentano una importante nicchia di mercato e le produzioni realizzate in Italia vanno per la maggiore, spingendo l’intero comparto che viaggia a gonfie vele.    

 

 

Italia leader mondiale nella produzione di superyacht

 

Dalle analisi elaborate da Fondazione Edison contenute nella sesta edizione di “La Nautica in Cifre Monitor – Trend di mercato 2023/2024”, rapporto statistico realizzato dall’Ufficio Studi di Confindustria Nautica, il made in Italy si conferma leader assoluto nella produzione dei superyacht con il 51,4% degli ordini a livello mondiale. Nel 2023 l’export della produzione cantieristica nautica italiana ha raggiunto la cifra record di 4 miliardi di euro, in crescita del 15,9% rispetto al già eccellente 2022.

 

Sono ben 600 gli yacht commissionati e/o in costruzione, per oltre 22.000 metri lineari complessivi. Seguono a distanza la Turchia (con 132 yacht in costruzione per circa 6.000 metri complessivi) e i Paesi Bassi (80 yacht e quasi 5.000 metri commissionati), solo per citare le prime tre posizioni nel mondo.

 

Uno scenario all’insegna della crescita che coinvolge l’intero indotto che gravita attorno al settore.

 

 

Lombardi: “Occorre saper veicolare la qualità del Made in Italy”

 
 

“Il made in Italy è sempre il top, sinonimo di garanzia e di qualità. Anche fare shopping in Italia ha tutto un altro peso” spiega Guido Lombardi, direttore commerciale dello storico negozio di Viareggio arrivato oggi alla quarta generazione.

 

 

Può tracciare un ritratto del cliente tipo?

 

“È ricco ma molto più semplice rispetto al passato. Non significa che ha meno pretese, sia chiaro, più che andare alla ricerca di dettagli particolari, però, si orienta verso un lusso discreto. Il target dei nostri clienti è molto vasto e diversificato: si va dal Brasile agli Stati Uniti, dalla Russia al Giappone fino al Medio Oriente. Ciò che accomuna mercati così lontani con gusti e tendenze disomogenee è la richiesta di prodotti e accessori italiani. Noi facciamo di più, non ci limitiamo a vendere gli articoli esposti in vetrina o presenti nel catalogo. Forniamo un servizio, assistiamo il cliente in ogni fase, lo guidiamo nella scelta delle soluzioni più idonee. La nautica è un comparto di nicchia, c’è bisogno di una stretta relazione fra il venditore e il cliente finalizzata alla nascita di un rapporto basato su armonia e fiducia”.

 

 

La cura del dettaglio è importante ma da sola non basta

 

“Una delle nostre chiavi di successo è determinata dallo stile dinamico che da sempre ci caratterizza. Il cliente va seguito, direi coccolato, aiutato nel compiere scelte indirizzate ad accrescere il suo livello di soddisfazione. Occorre saper intrepretare i desideri del consumatore, per far ciò è necessario proporre soluzioni di alta gamma, eleganti e raffinate, moderne ma anche con stile retrò. Se made in Italy è sinonimo di bello e ben fatto il valore aggiunto consiste nel saper veicolare la qualità”.

 

Dai frigoriferi alle lavastoviglie, dalle ceste per le scarpe in pelle al porta lavette, all’arredamento per gli interni e gli esterni fino ai tessuti per i set letto e bagni realizzati con decori e ricami pensati per la nautica, il design e l’attenzione al particolare caratterizzano le proposte di Lombardi.

 

“I clienti della nautica non cercano servizi personalizzati, privilegiano praticità ed eleganza, comfort e raffinatezza. Intercettare i loro bisogni è la questione dirimente e anche per questa ragione non effettuiamo vendite online. È una metodologia che mal si concilia con il mondo del lusso. La consulenza implica un contatto diretto, assecondare i bisogni e le esigenze del cliente richiede una conoscenza approfondita che può svilupparsi solo attraverso l’ascolto e il dialogo diretto”.

 

 

Quanto è importante partecipare a una fiera come Milano Home?

 

“Lo scambio di vedute con i retailer e gli interior design è fondamentale e lo strumento fiera, se ben concepito, assolve con efficacia il compito di porre a confronto i vari interpreti del mercato. È una vetrina privilegiata che riunisce attorno a sé tutti gli attori della filiera ma non deve essere utilizzata dall’espositore come ‘negozio aperto al pubblico’: dove si discute non si compra”.

 

 

Rebelo: “I brand italiani vanno per la maggiore anche in Portogallo”

 
 

Si cavalca l’onda anche in Portogallo. Il paese lusitano, situato all’estremità sudoccidentale dell’Europa con 832 km di costa atlantica, vanta porti turistici dotati di eccellenti attrezzature e servizi.

 

“La nostra forza è fornire ai clienti le soluzioni migliori per la decorazione di interni ed esterni insieme a un servizio professionale di alto profilo”, dichiara Tânia Rebelo, responsabile vendite di Motor Yachts Portugal/Azimut Yachts Algarve.

 

Una sorta di ‘sportello unico’ include il reparto di produzione attivo e dedicato nel cuore di Vilamoura Marina, considerato uno dei migliori porti turistici del mondo.

 

“Dai pouf da esterno personalizzati, complemento perfetto per arredare con semplicità ed eleganza l’imbarcazione ai candelieri realizzati con una base in vetro e rifiniti in similpelle, oggetto classico proposto in una gamma di quattro colori per donare all’ambiente un tocco di classe e romanticismo il ventaglio di soluzioni offerte risponde alle esigenze e alle richieste di un mercato in cerca di novità”.

 

 

Il design e gli accessori per la nautica made in Italy sono quelli più ricercati? 

 

“I brand italiani godono di un indubbio valore aggiunto.  Solo per citarne alcuni penso alle collezioni tavola firmate dal designer Mario Luca Giusti, il design elegante e contemporaneo di Paolo Castelli, la gamma di accessori di Foresti&Suardi, le finiture ricercate e i tessuti raffinati di Armani casa, le idee originali e creative che ispirano i prodotti Guzzini. Per chi opera in un segmento dove il lusso e il buon gusto sono prevalenti è fondamentale avere in listino i nomi di prima fascia del Belpaese”.